La prospettiva Grandier

Non ha grosse prospettive, André Grandier, quanto al proprio futuro. Non si aspetta di sposarsi, sa di non poterlo pretendere da Oscar, nel senso all’epoca tradizionale del termine, e, però, ama. Metodicamente. In silenzio. Come fosse una condizione connaturata e vada come vada. Si è innamorato della sua compagna d’infanzia, gli sta bene così e così continua, come può.

Abbiamo sempre notato come la coscienza politica di André sia forte, nel cartone, ma anche nel manga, in effetti, esiste, in nuce. La percepiamo proprio quando, al momento di decidere da che parte stare, André, dopo la notte insieme e nonostante essa, continua egualmente ad interrogarsi sul perché Oscar non dica niente, perché non parli. E, quando Oscar, finalmente, erompe con la propria scelta, è come se André riesca finalmente a scrollarsi di dosso un peso enorme. Non è un caso. Da quella scelta, ne dipendono molte altre. Non è del tutto alieno dalle istanze politiche, questo André. Certo, la Ikeda ne ha fatto un paladino dell’amore ingiusto, ma, attraverso la necessità di risolvere il suo amore, anche l’André della Ikeda, in fondo, si prepara ad una rivoluzione silenziosa. Non è un caso neppure che la Ikeda metta proprio nelle sue mani “La nouvelle Éloïse”, non essendo così diffuso che chi non apparteneva alle classi più abbienti sapesse leggere, e, addirittura, rivolgesse la propria scelta a romanzi filosofici di formazione.
Quando Oscar, poi, gli propone di sposarla, cadono le ultime barriere. L’espressione sorpresa (ho sempre detto da cazzotto nello stomaco) che, non a caso, André ha sia quando Oscar gli si dichiara, sia quando Oscar gli fa la proposta di matrimonio, non sono per l’impossibilità di un amore, anzi!, sono, credo, per tutte quelle sovrastrutture che, attorno a lui, a loro due, in quel momento lui vedeva crollare. In quel momento, le sue prospettive, finalmente, iniziavano a combaciare con le sue speranze.

Annunci

3 Responses to La prospettiva Grandier

  1. Raffaella ha detto:

    Sono d’accordo con te. La coscienza politica nell’Andrè del manga c’è, anche se viene messa meno in evidenza che nell’anime. Tra l’altro ho sempre amato le scene in cui lui legge La nuova Eloisa riflettendo sulla propria condizione. Poche scene dopo anche Oscar la legge e piangendo si chiede perchè quella storia la colpisca così tanto. In quel momento è in atto un ulteriore avvicinamento tra i due. Mi sarebbe piaciuto che quelle scene ci fossero anche nell’anime!

  2. Silvia ha detto:

    sono d’accordo: la speranza di André era che Oscar fosse al suo fianco (e anche dalla sua parte), e la sua prospettiva essere al fianco di lei (e quella era una scelta dritta come la Prospettiva Nevskij ^^). Nel momento in cui lei sceglie la prospettiva di lui, è come essere oltre lo specchio, come l’unione di due orizzonti. Come trovarsi davanti l’infinito dalla vetta dell’Everest, lol.
    E beh, questo lascia senza fiato. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: