Towanda!!!

9 marzo 2012

Il Grandier sarebbe stato anche una personcina ammodo, divertente, allegro, scanzonato, se non avesse avuto quella brutta abitudine, reiterata, di manifestarsi ululando. “Oscar!” grida nella sigla giappo, che pare ‘na voce dell’oltretomba e mi pare d’aver raccolto più di un racconto di un’amica che, essendosi, all’epoca, fatta scaricare la sigla dal ragazzo, si è trovato il suddetto o piegato in due dalle risate o agghiacciato, lui e i colleghi di lavoro, avendo l’ignaro malcapitato evitato di abbassare prudenzialmente l’audio. Ma che vogliamo dire di quella perla di cui l’edizione italiana ci ha provvidenzialmente deprivato quel “Now is the time you must be brave” che la voce di Barry Stokes, dall’oltretomba, intona all’indirizzo della sfigatissima Catriona, rimasta in parrucca e stivali? Ovviamente, per non essere da meno rispetto al frignantissimo Grandier del manga. Credo. Non capisco. Meno male che non hanno acchiappato Massimo Rossi e, nel bel mezzo di “OhladyladyladyOscar” non gli hanno fatto esprimere un “AOscareeeeee!”, che sarebbe stata la versione de’ noantri. Tipo sigla di Goldrake “Va’, distruggi il male, va’… Goldrake!”. L’italico stile, prima di consegnare opening ed ending agli amici di Oscar e decadere, lasciava la sua zampata.