Un anno e un giorno

Era il 17 aprile di un anno fa, quando arrivò la notizia della morte di Osamu Dezaki, “Il regista” di Lady Oscar per antonomasia, colui a cui si devono la svolta della serie e il successo internazionale. E, anche, la differente e moderna ricalibrazione dei personaggi e alcuni tagli, rispetto al manga, che, non ci fossero stati, forse, avrebbero arricchito ancora di più il lavoro ma che, alla fine, ci hanno “costretto” a compensare scrivendo e disegnando.
Ho più pensieri che parole, per ricordarlo. Gesti. Come il lavoro che, ogni volta, faccio sul fumetto onorando lo stile che lui volle dare alla serie. Come, nello scrivere, cercare di rendere (e, prima di tutto, tenere presenti) la sua regia, i suoi scorci, i giochi di luce, gli sguardi i silenzi. Gli stacchi tra i personaggi. Il suo modo di rendere i sentimenti.
E’ una grande figura, questa, che ci è venuta a mancare.
Un anno fa, scrivemmo un commiato. Qualcuno, prima ancora che avessi finito di editarlo con le immagini, pensando forse di sfruttare pure la morte di un grande artista per praticare lo sport nazionale del fandom (ci faranno specialità olimpica), dopo aver scorso le prime cinque righe senza  manco un’immagine che sostenesse il grave sforzo della lettura (e, forse, pure costernato per la mancanza dei – diciamocelo! – fantastici disegni che usualmente corredano il nostro sito ^_-;), lo definì malamente, sfruttando la circostanza per darci addosso. Avvilente.

Io, ancora oggi, invece, ringrazio le “muratrici” che parteciparono all’opera, perché fu un gesto di stima e di omaggio per un regista a cui dobbiamo molto.
http://digilander.libero.it/LittleCorner/Essays/omaggio_ad_osamu_dezaki.htm

Annunci

4 Responses to Un anno e un giorno

  1. margherita ha detto:

    Ho letto l’omaggio a dezaki: la profondità alla quale siete arrivate nell’esaminarlo mi ha colpito molto, avete sviscerato tutti gli aspetti più poetici del suo stile. Mi viene solo una domanda: che gusto si prova?
    Davvero non capisco che gusto si possa provare a tentare di distruggere il fandom, o a denigrare lo sforzo di tuttte coloro che lo rendono più ricco e più bello con il loro lavoro, a maggior ragione nel caso di cui state parlando, in cui si rende onore alla grandezza e alla genialità di un uomo come Dezaki. Ancor piú di dubbio gusto la cosa se penso che é avvenuta a pochi giorni dalla morte del Grande.
    Continuate cosí e…….. Grazie a tutte 🙂

  2. lauraslittlecorner ha detto:

    Grazie. Le tue parole, quel mantello sotto la pioggia, sono, forse, il commento più bello. Grazie.

  3. Stellato ha detto:

    Ho incontrato l’articolo in questione solo ieri, e come sai l’ho trovato consolatorio, avrei voluto poterlo leggere il 17 aprile precedente, al posto dei trafiletti di giornale in serie, delle variazioni poco fantasiose dello stesso comunicato stampa. Grazie a te e alle altre autrici che hanno reso onore alla sua figura di Director geniale; mi ritrovo in tutti i colpi di fulmine che avete descritto per quelle scene ed è un po’ come se qualcuno mi avesse portato un mantello sotto la pioggia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: