Silenzio

A volte il web è il tempio del cattivo gusto. Alcuni di noi, stamattina, ep. 39 in onda, hanno taciuto, sospendendo le attività e i commenti sul web. Io ho preferito non vedere proprio l’episodio. Questione di scelte personali. Però devo ammettere che, al di là del mio riserbo, mi ha fatto impressione, stasera, rientrando, vedere che, in veloce rincorsa ad adeguarsi, erano spuntati banner o immagini del profilo prontamente adeguati all’episodio e a cotanta dipartita. Ho provato un senso di disagio, perché questa corsa celebrativa ad essere in linea con, ad “interpretare” il tema dell’episodio, una volta di più, mi ha dato il polso di un mondo fatto di apparire, poco profondo, di “mettiamo le foto di”, “adeguiamo alla puntata”, mentre, se si fosse davvero partecipi del senso del 39, diverso contegno sarebbe appropriato. Per carità, parliamo di un cartone, una roba finta, e queste sono le mie personali sensazioni, ma, proprio perché tanto amato ed apprezzato, andrebbe maneggiato con più cura. Io, di fronte al 39, a meno che, come Fiamma sa, non mi metta in testa di vederlo in modo goliardico, provo sgomento, tristezza, perdita; non il desiderio di celebrare. Perché per me è una perdita. Ancora oggi, dopo tanti anni.

 

Annunci

5 Responses to Silenzio

  1. Farmakis ha detto:

    Sono incappata qui per caso. Ho avuto l’ardire, in un momenti di profonda stasi della mia vita, di rispolverare i vecchi manga, le vecchie videocassette e gettarmi a capofitto in una storia che, forse roba finta, mi ha sempre rapito il cuore.
    La sensazione di profondo vuoto e angoscia che ti appiccica addosso la puntata 39 la condivido con voi. Ancora adesso, fan di Oscar da più di quindici anni, conoscitrice della storia in ogni minimo dettaglio, sento quella pungente emozione risalire la gola e farsi senso di sconfitta.

  2. Michela ha detto:

    Sì Fiamma, hai ragione: per fortuna c’è questo luogo nel quale la nostra condivisione è un momento così bello e profondo e diverso, e non vi dico quante volte mi sono sentita grata di aver conosciuto Laura, di aver conosciuto voi…
    Come avrei potuto, e con chi, se non con voi, trovare tanta vicinanza nel sentire, nel rivivere, commentare una storia che è sì, forse solo “roba finta”, ma per NOI è qualcosa di diverso.
    Ecco il sapere, il leggere le vostre parole stasera, quelle di Laura, di Alex, le tue, mi ha trasmesso da un lato un senso di sollievo e allo stesso tempo un nodo allo stomaco… perché era quello che oggi pomeriggio, da sola in casa, pensavo anch’io. Pensavo che stamattina era in onda il 39 appunto (non l’ho visto ma girando su FB mi sono imbattuta anch’io in post e commenti vari) e mi sono fermata a pensare, che dopo 30 anni (oddio 30 anni!!) ancora non riesco a rivedere questo episodio senza star male, senza provare un senso di sgomento, di vuoto, ancora oggi, ancora.
    Com’è possibile? – mi chiedevo oggi. Ed ecco che mi arrivano le vostre parole, il vostro conforto, la frase di Laura…
    “Perché per me è una perdita. Ancora oggi, dopo tanti anni”.
    Io, come voi, i fotogrammi del 39 ce li ho dentro uno ad uno, le parole, i sussurri, i colori, le angolature, tutto. E potrei rivederlo nella mia mente in qualsiasi momento. E’ roba finta, sì, ma mi fa quasi male definirla così, perché è qualcosa che è cresciuta con me, che è rimasta con me, sempre. E sarà per questo che come voi il giorno del “39” lo vivo così, condividendo appieno il sentimento espresso da Laura.

  3. fiammy ha detto:

    Non sei insensibile, certamente. Ma Facebook è (purtroppo) il luogo della “condivisione”, rapida, tanto veloce ad essere condivisa, tanto fittizia, quanto rapidamente dimenticata. E ogni evento viene “condiviso” con manifestazioni (a parole) di dolore, sgomento, rabbia. E altrettanto velocemente dimenticato però. Ogni scusa è buona per indignarsi o per manifestare un presupposto dolore…fino all’evento successivo. Facebook non predispone alla riflessione, e non consente di esprimere reali sentimenti, perchè il sistema dei “mi piace” (quindi si finisce per scrivere su facebook, o twitter ciò che si capisce intuitivamente la gente apprezzerà e non si scrive ciò che si pensa veramente per paura delle critiche frontali o traverse) e la possibilità intrinseca di commentare quello che le persone scrivono in uno “stato” o in un commento allo stato di un “amico” (tra virgolette i termini così come si usano nell’interfaccia di Facebook) fanno si che quello che si scrive venga commentato, o contestato e così via. Faccio fatica a credere al dolore in FB, se poi questo dolore porta stampato su l’indirizzo di un sito o se chi lo pubblica lo fa a nome di un sito o di una pagina facebook collegata ad un sito. In questo caso è pubblicità gratuita (finchè FB lo consentirà, e sta cercando già di far si che si paghi questo tipo di servizio). E andrebbe presa per quello che è, pubblicità. Il che è diverso dallo “stato” del singolo utente che sul proprio profilo scrive: “ho rivisto la puntata, povero Andrè”. , un commento semplicistico ma nella sua soggettività, sincero. Il blog e questo blog da sempre è luogo di condivisione, ma ad un livello completamente diverso da quello che i social network consentono. Qui c’è condivisione, e riflessione, e scambio, e approfondimento.

  4. Alex ha detto:

    Laura, sono perfettamente e assolutamente d’accordo con te. Anche per me è uguale. Ormai sono tantissimi anni che ho fatto la scelta di non guardare più quell’episodio, come del resto gli ultimi della serie. Non me la sento, non ho ne’ il cuore ne’ la testa per farlo. Sarà roba finta, ma ci sto troppo male e sinceramente star male per un cartone animato..beh..come ben sappiamo ci sono cose ben più tristi nella vita purtroppo. Quindi passo oltre, commento, condivido, ma passo oltre, tenendo questa “cosa” tutta per me..A costo forse di sembrare insensibile..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: