Update sito e annunci su doujinshi e volume fanart – 15 marzo 2013

http://digilander.libero.it/la2ladyoscar/Updates/last_updates.htm

Annunci

23 Responses to Update sito e annunci su doujinshi e volume fanart – 15 marzo 2013

  1. alessandra ha detto:

    AHHH! Il ritorno in Kitchen corner! Sono qui con il coccolone e adesso mi chiedo come farò ad aspettare. Che dolcezza, e che calore! E che… ma no, non parto per la tangente come al mio solito, anche perché conoscendoti non so cosa mi potresti combinare… Però no, non credo, è molto bella, è molto vissuta, non credo sia più tempo di colpi di testa. C’è molta aria di casa. E la voglio anch’io la zuppa di miso, e un po’ di tempo per dedicarmi malinconicamente a me. Magari con un Al personale, che comunque non guasta mai. E’ una storia silenziosa e struggente, rarefatta e tenera. Bisogna, forse, conoscerti, per apprezzarla fino in fondo. A me piace così, comunque, anzi, lo adoro. Ancora!

    • lauraslittlecorner ha detto:

      La zuppa di miso la avrai! LOL
      Tranquilla, non ammazzo nessuno, non ferisco nessuno, nessuno perde occhi! 🙂 Ho deciso che tra un po’ finirà la I serie e poi inizierò… la II. 😉 (con buona pazienza dei miei 2,5 lettori)

  2. Stellato ha detto:

    Un’altra bella… chiamiamola abitudine, ma preferirei battezzarla tradizione anche se è giovane, è quella di ritrovarmi qui sul blog a raccontarvi le mie impressioni da lettrice 😀
    C’è il problema che mi sento una pozzanghera tra gli oceani (Alessandra, devi smetterla di essere così meravigliosa pure nei commenti! Non posso diventare tua fan più di così! Abbasta!) a commentare dove i mostri sacri commentano (Laura, lo sai, ci sei anche tu, inutile che ti nascondi)… ma provate a capirmi: vengo da anni ed anni come lurker e adesso ho tanta voglia di parlare, quindi perdonate se non so esprimervi nel modo giusto quanto mi emozionate. O se ci metto troppi saltelli 🙂

    (Attenti agli spoiler di qui in poi)

    Costanzaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!
    Sai che attendevo la continuazione e sai che NONOSTANTE TU ABBIA BISTRATTATO ALAIN la tua storia mi piace e mi incuriosisce. Ho perso un battito del cuore quando Oscar dice di non riuscire a ricordare la sua voce da bambino. In te come in Laura in Christine 27 ho letto passaggi dolorosamente veri di dolore. Staccata dalla trama vi invio un abbraccio se parte di quelle descrizioni così vivide sono autobiografiche, spero di no, comunque, in ogni caso, è stato toccante leggervi.
    Un’altra impressione è che tu sia molto logica nell’immaginarti il comportamento dei vari personaggi in una discussione, però provando a farti seguire dal lettore passo dopo passo togli ogni dubbio sull’interpretazione di quello che succede. E’ un consiglio che sto provando a seguire anche io e se non ti secca lo do anche a te: lasciare più campo all’intuizione di un lettore.
    Che sei molto logica ci si arriva anche vedendo cosa ti vai ad immaginare: Giro che nasconde il materiale infiammabile! Bello, mi è piaciuto, si nota la tensione che aleggia in questa casa decadente tra i due occupanti.
    E… che sta facendo Girodelle da solo nel bel mezzo della notte?
    No, non sto pensando male, sono solo curiosa!

    Alessandra. 🙂
    Speravo tanto che fosse proprio ciò che hai scritto “la cosa più semplice”. E in effetti me li immagino, i nostri, capaci di prolungare anche dieci anni un simile semplice scambio di battute. Ce lo vedo benissimo André ad adattarsi completamente ai limiti imposti da lei in questa relazione clandestina, André lo immagino capace di adattarsi ad ogni cosa da lei richiesta.
    Li ho trovati teneri e imbranati nonostante i numeri selvatici (YYYYYY-HA! 😉 ) in cui nascondono l’amore giovane; e riguardo questi numeri direi che hai dimostrato ampiamente di essere capace di lasciare col fiato sospeso anche con scene erotiche, non credo sia una cosa di tutti i giorni saper descrivere quello che hai descritto tu, con eleganza, nella carrozza!
    Vero che non devo aver paura per il velato segnale di nubi all’orizzonte alla fine del capitolo?
    Ribadisco: sei grande.

    (E adesso invio un attimo che ho paura di perdere il commento)

    • lauraslittlecorner ha detto:

      hai ragione, quella frase sul non ricordare la voce è bellissima: gliel’avevo scritto in mail privata, poi mi sono scordata, qui, di ricordarlo… 🙂 cioè, vi prego, °_°; non voglio fare la preziosa, da parte mia ricordatevi quello che vi ho scritto in mail: non è prescritto il commento, LOL, mi raccomando!!!
      Con la carrozza Ale citava se stessa in Un’altra stagione: altra mitica trombata in carrozza, se non ricordo male!

    • Stellato ha detto:

      Altra cosa, grazie Alessandra per aver contribuito alla causa “facciamo ballare assieme Oscar e André”. (con qualche anno di ritardo, grazie anche a Laura, che addirittura ha immortalato la scena in Masquerade… la seconda versione sarà nel volume Fanworks che già aspetto con ansia? E mi sbaglio o esiste una primissima versione in cui hai certosinamente affrescato il pizzo dell’abito di lei?) Qua ci sono sogni di bambina che si avverano, mica chiacchiere!

      Laura, Laura-san, Laura webbie.
      Non so da dove iniziare.
      Il capitolo di Christine che tanto aspettavo è un saliscendi emozionale.
      “Le domande assurde della paura. Di parole che non si sanno dire.”
      “Il battito d’ali s’inquadra nei telai vuoti dei ruderi”
      “Carne, ossa, muscoli, che, nel ritrovarsi insieme, fanno male.”
      Veramente, Laura, sei pazzesca 🙂
      La risalita con il siparietto di André sotto anestetici che straparla con Giro: ho riso, di sollievo e divertimento… e poi di gioia, sul finale. Buon compleanno sì, André!

      3. L’amarezza del tempo perduto e il suo bilanciamento nell’immagine infuocata “Ombre”.
      Che colori, Laura!!! Non solo lo sfondo, ma anche i riflessi arancioni su di loro, che si consumano come brace.
      Sono rimasta incantata a guardarlo per non so quanto tempo 🙂
      Ma come hai fatto ad aspettare tanto tempo prima di pubblicare questa storia?

      KC
      Esiste davvero la borsa che viene da Parigi? 🙂
      Applausi al cameo di Syd!!!

    • lauraslittlecorner ha detto:

      Stellato, eccomi: sono in mezzo alle gallerie sperando nella connessione del cell.
      Grazie per quello che scrivi di Ombre. In effetti non mi ero resa conto, ma i colori sono incandescenti. 🙂
      Masquerade 1 è quello del Calendario ed è quello coi merletti, sì; il 2 è nella mia gallery sul sito e il 3 starà salvi imprevisti nel volume e ha anche lui i pizzi. 🙂 E’ come avrebbe dovuto essere nella mia idea il I x colori ed età.
      Esistono molte borse, reali e fantasticate: avendo x il momento esurito l’argomento piccoli elettrodomestici… ma tranquilla non mi metto a blaterare di scarpe, che so… ^_-;
      Quanto a come faccio ad aspettare a pubblicare il motivo è semplice: negli anni non ci sono stati sempre periodi di molte autrici, capita che una scriva x un po’ poi smetta e io mi sono sempre tenuta i miei testi o disegni come una scorta, da centellinare anche per questi periodi meno ricchi, in modo da assicurare una continuità negli anni al sito. E poi preferisco avere tempo per elaborare e sedimentare i testi. Magari poi non cambio niente, ma, rileggendoli alla distanza e spassiontamente, se ancora mi convincono vuol dire che mi do il via libera. 😉
      Syd è stata gentile a recitare in questo episodio 😉
      Ora spero di poter mandare e scusate x errori digitazione.

    • lauraslittlecorner ha detto:

      Stellato, dimenticavo una cosa: quei colori del disegno Ombre, ecco, qualcuno mi sarebbe piaciuto fartelo provare…

  3. Luana ha detto:

    ragazze io vi adoro, riuscite sempre a farmi tornare a quel “accesero la televisione e li videro lottare e prendersi per mano… “. Il colpo al cuore è proprio quello della prima volta. E questo ha un valore senza tempo…. Grazie a tutte

    • lauraslittlecorner ha detto:

      Grazie a te che hai scritto per il sito e ci smessaggi qui 🙂

    • lauraslittlecorner ha detto:

      Io volevo ringraziare chi ci legge e ci segue.

      Volevo ringraziare anche:

      Costanza, perché ha in mano un compito difficile, si impegna a svolgerlo riuscendo bene e tirando fuori scene interessanti sia tra Giro e Oscar, che si muovono sempre meglio tra di loro come personaggi, sia ricordi molto belli di lei e André, anche bambino. La scena delle costellazioni mi è molto piaciuta, mi ricorda una fanart giapponese, mi piace che l’abbia messa lì. Mi ha fatto sorridere.

      Stellato, perché con Martinique ci porta lontano e scrive dei nostri due amati più Alain in un modo piacevole, potrei dire in scioltezza, con naturalezza; in più riesce a far seguire anche dei personaggi nuovi. A volte con delle doujinshi o fanfic mi capitava di leggere dei personaggi introdotti ex novo e mi dicevo evabbè, ma quando è che parlano dei nostri? Con lei invece non succede, in più la storia si fa via via più nuova e per ora non è certo banale o scontata (a quanto ne so neanche nel prosieguo ^_-;). Sono molto preoccupata per il fegato del Grandier. -_-; Ma mi ha tranquillizzato. 🙂

      Alessandra, perché quando ci mette la mano lei la qualità è assicurata, oltre che una capacità di scrittura limpidissima e piena. Io amo molto le sue storie brevi, sono quelle che amo di più, e anche quella che mi scrisse come regalo di compleanno (evabbè! ma non è per questo, LOL), ma questa qui mi diverte molto perché mi piace questa normalità tra loro, molto moderna e molto modernamente settecentesca insieme, scanzonata, lieve. 🙂

      Elena perché ci ha dato un bel pacchetto di disegni e avere bei disegni sul sito fa sempre piacere. Io li conoscevo già, ma mi fa piacere poterli mettere on line. 🙂

      Stellato per i disegni che ci ha dato: in particolare Tempest mi piace molto, lei lo sa. 🙂 Mi piace, questa Oscar mi ricorda la Maisha/Maeter viaggiatrice del tempo di Ginga Tetsudo 999 (Galaxy Express). Ovviamente doppiata da Cinzia de Carolis. 😉

      Poi, a parte, ringrazio Elena e Serena, per aver accettato di partecipare all’albo di illustrazioni.

      Grazie a tutte voi. 🙂 Grazie anche per l’impegno di stare su un sito come questo.

  4. alessandra ha detto:

    Che bello il capitolo 27 di Christine. Quel rivivere la scena del ferimento ti è riuscito benissimo, si vede quanto “senti” questo momento da come riesci a esprimerne lo strazio, l’angoscia. E’ tutto molto potente e vero, e però è diverso lo sviluppo (e meno male!), ma non per questo meno credibile. Finalmente, André che riesce a festeggiare il compleanno come dopo quel 13 luglio, giustizia è fatta! E fortissima la notazione più sotto, ironica, sulla fiducia nel matrimonio e sul praticarlo così spesso. Mi è proprio piaciuto tutto, anche se tremo al pensiero di quello che potresti fare a questo punto…

    • lauraslittlecorner ha detto:

      Vedi, quando il Grandier diceva “A volte sono proprio un illuso” era a questo che si riferiva, LOL…
      Aluuura… diciamo finalmente che una volta tanto non lo accoppo! ^_-; Ma c’è tempo, c’è tempo! Qui siamo solo alla missione Jeanne e bisogna arrivare al 1789… *GRIN*

    • lauraslittlecorner ha detto:

      No, scherzi a parte, quel “E furono giorni tutto sommato felici”, detto così, semplice, è splendido. Dà un tono confidenziale (e qui sta il colpo da maestro) a tutto il testo.
      Detto dalla pazza scatenata e incosciente che pubblica 3 nel mentre tu, mostro sacro, pubblichi il tuo HOT PWP. ^_-;

      • alessandra ha detto:

        Ma scherzi? Quel 3 mi ha fatto rizzare tutti i peli, per esprimermi con un motivato giudizio critico. E’ intensissimo e pieno d’amore nello stesso tempo! Quanto a me, il mio hot pwp rivela, tutto sommato, la mia vera natura 😉
        Casomai qualcuno nutrisse ancora dei dubbi…

  5. lauraslittlecorner ha detto:

    Un po’ per volta. O per intervalla insaniae, come diceva mia madre: questo III episodio di Alessandra è commovente. Sarebbe bello pensare fosse davvero andata così. E perché no, in fondo? Mr. G E (con la maiuscola) Oscar. Previsti e schedulati insieme, che insieme stanno. E fanno. ^_-; E’ il tema con cui mi confronto sometimes.

    Devo dire una cosa a scanso di equivoci. Io alle autrici ho già scritto, illo tempore, quando ho letto i file. Loro sanno cosa penso. Mi scuso, perché, a volte, sono troppo stanca, dopo un update (soprattutto ora col fumetto in full-immersion), per ridirlo sul blog.
    Mi succede di pensare ok, queste sono le mie ore libere, poi tra poco si ricomincia…
    Ma loro lo sanno che se sono sul sito è perché ho amato quello che hanno scritto (e l’ho detto loro). Scusatemi, se non dico di più: voi lo sapete.

  6. alessandra ha detto:

    Mia cara, l’update di Little corner è sempre un avvenimento, e per noi ha un’eco che risuona per giorni. Ci rallegra la pubblicazione dei nostri lavori, ci incanta la lettura dei racconti degli altri, ci commuove la visione dei disegni, che accompagnano, rappresentano, ombreggiano le storie arricchendole di personalità. E’ così, un momento particolare ed emozionante, l’arrivo della newsletter del sito, con il ricco materiale che contiene, che ci vogliono ore, giorni, per sfogliare ed assaporare appieno. E’ così, per me, dal lontano 2002, quando iniziai a collaborare con questo sito e a ricevere gli aggionramenti ogni volta con più piacere e con più stupore, per la constatazione di quanta cura, di quanta attenzione vi veniva dedicata, della qualità delle cose che erano pubblicate. Non voglio dar l’impressione di eccedere, e del resto ormai sono troppi anni che son qui perché abbia un senso scrivere un messaggio di convenevoli. Epperò sono autentiche la soddisfazione e l’emozione che ancora mi prendono ogni volta, e ogni volta sento il bisogno di testimoniarle, perché le cose che fai non sono affatto scontate e perché è grazie al tuo lavoro che possiamo continuare a vivere la nostra passione e “sognarla” in modo sempre diverso. Grazie per questi tuoi bellissimi disegni e per quanto sono evocativi e toccanti. La maestria con cui padroneggi questa tecnica è straordinaria e non cessa di stupirmi, per quante emozioni sai trasmettere. “Ombre” è qualcosa di travolgente, per me, nell’immagine, nell’intrecciarsi dei corpi, nel gioco dei colori, nella suggestione calda, infuocata eppure tenerissima di questo incontro che sembra non poter essere altro che così, vissuto in questo modo appassionato e non più rimandato, pieno d’amore e di una passione quasi liberatoria, del totale affidarsi all’altro, come un sospiro troppo a lungo trattenuto, che esce infine consapevole, tenero, quasi stanco e pieno di dolcezza. E la cover del volume di fanworks, be’… lo sai, la trovo commovente. Tra l’altro è una bellissima idea questa del libro e sono certa che le immagini stampate saranno di una pienezza straordinaria. Quell’abbraccio tra loro è qualcosa di indescrivibile, e vorrei vederlo ancor più da vicino, vorrei vedere i loro sguardi, immaginare i loro pensieri… Suggestioni che provocano i tuoi disegni, che hanno sempre dentro tanto sentimento, che realizzano lo strano miracolo di rivelare nella perfezione tecnica un’intensità emozionale profondissima. Sono immagini vive, non fredde ma piene di calore, che sembrano quasi muoversi e presentarsi agli occhi da un’angolazione diversa ogni volta che le guardi. Non aggiungo altro anche se vorrei dire di più, perché temo da sempre moltissimo, e ne rifuggo, l’impressione del commento rilasciato a scopo incensatorio a cuor leggero, senza una vera partecipazione e un sentimento vero. Ma noi ci conosciamo da troppo tempo e spero dunque di non dare a te quest’impressione, anzi, diciamo pure che lo so e per questo mi lascio andare più facilmente, nonostante le mie abitudini plantigrade. Colpa tua, sei tu che m’emozioni, o Musa. Dài, sto scherzando. Però grazie perché questo lavoro che fai e a cui noi diamo il nostro piccolo contributo è bellissimo, e dura ininterrotto da tanti anni, e ci regala da allora un giardino segreto in cui vivere con gioia delle emozioni che, non mi riesce di capire perché, rimangono immutate nonostante il tempo che passa e le mille cose che ci occupano e a volte ci opprimono. Sarà che siamo ancora, nel profondo, quelle adolescenti che un giorno accesero la TV e li videro lottare e prendersi per mano, e non li dimenticarono più.

    • lauraslittlecorner ha detto:

      ^^ Confermo! La scena del duello tra loro due ep. 1, loro due sul fiume, le mani che si uniscono MI HA ROVINATO LA VITA! ^^ (outing)
      Colpa loro se ho lasciato danza la prima volta (naa, scherzo!), colpa loro se mi sono innamorata di questa storia, colpa loro se, da allora, ho immaginato sempre storie con loro due invece che con Actarus e Capitan Harlock (è chiaro che era colpa del prof di matematica)!
      E tutto il resto che ne è conseguito. Te, voi comprese. ^_-;

      Il fatto è che è tutto vero, ma non riesco del tutto ad essere triste per questa vita “deviata” o, forse, dovrei dire arricchita, visto che non ho poi deviato tanto.

      E voi tutte più di me, non avete deviato e siete state brave.

      LOL, in effetti me affetta dalla sindrome di Peter Pan; mi rifiuto di crescere: in una botta di maturità ora sono arrivata a sentirmi sui 26 anni. -_- Laura stakanovista del sito nonché scassaminchia per autrici e disegnatrici. Ti aspetto live per vederli dal vivo e commentarli, i disegni. 🙂
      Ps: Ombre è nato da una scena che avevo in mente da tempo e come tentativo di testare e domare dei colori di un tipo che non avevo mai usato e una carta che avevo regalato ad Elena 13 anni fa e che volevo usare anche io! 🙂 Dal vivo, sotto, si vede la trama della carta e questo, soprattutto, mi piace, oltre che il fatto che i colori si fondano insieme.

  7. Stellato ha detto:

    Devo interrompere momentaneamente la mia full immersion (ma se mi conosco bene so che non riuscirò a resistere e che continuerò a leggere stanotte), passo velocemente qui condividere la constatazione più immediata: L’ACQUERELLO DI PRESENTAZIONE DEL VOLUME DI FANART E’ SPLENDIDO!!!
    Buona serata a tutti e un bacione alla nostra grande Webbie! 😀

    • lauraslittlecorner ha detto:

      🙂 Ma tu sei troppo carina! 🙂 Grazie, grazie, grazie! Incrocia tutto per i disegni e il computer! °_°;;; Ps: sei stata contenta di update? 🙂

      • Stellato ha detto:

        Ma certo che sono felice per l’update!
        Anche per me è un momento speciale, Alessandra : ) Ogni volta il mio entusiasmo va per la maggiore e la prima lettura dei testi è quasi febbrile, ma ne segue sempre una successiva, molto più ponderata, dei testi che mi sono piaciuti, accompagnata da un earl grey diventato rituale (che pure bevo spesso, ma ha un sapore speciale quello che dedico a questa lettura.)
        Quindi, ricapitolando: grazie per ciò che avete scritto e condiviso. Ancora una volta, vi ripeto che mi emoziona l’idea di poter collaborare ad un sito dove persone come voi pubblicano i propri lavori.

        Ho letto e riletto TUTTI i testi pubblicati.
        Il “come” potrete dedurlo dall’orario di pubblicazione di questo commento (e dalle mie occhiaie se mi doveste incontrare). Il “perché” dal mio ghigno soddisfatto. : )

        A prestissimo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: