A Matter of Colours

Quando, parecchi anni fa, iniziai a disegnare in modo più organizzato e sistematico, venne il momento di comprare dei colori più professionali. Io ho sempre adorato le matite colorate, ma, fino ad allora, non ero andata oltre un pacco da 36 Giotto acquerellabili regalate da un compagno di scuola per i 18 anni (ci colorai un fumetto di Capitan Harlock che avevo fatto – tra parentesi una delle estati più deprimenti della mia vita, quella tra la fine della III liceo e l’iscrizione all’università) -. Prima di allora, d’estate andavo alla Upim e compravo le Faber-Castell da 24. I ritratti di Berger che sono su Vetrina li ho fatti con quelle. Erano durissime, ma i colori erano belli. E, insomma, comprai, con un mostruoso investimento, dopo un primo acquisto non soddisfacente, un altro primo pacco di Artist, con l’intenzione, poi mantenuta, di integrarle. Ad essere sincera, integrai quelle e molte altre, fino a trovare le mie predilette (non con tutte le marche mi trovo bene). Amo molto le matite colorate, come gli acquerelli, i pastelli morbidi e le matite pastello, anche se tra i 16 e i 19 anni mi ero data anche alla gouache – quella che trovavo qui, ovvio -. E’ colpa di Catriona se sono stata precocemente affetta dal tarlo del realistico. Lei è stata la prima che ho tentato di ritrarre, sul Guglielmino del ginnasio. Ovviamente i miei libri erano affetti da glosse disegnate e la mia caricatura SD che avete visto nel fumetto è nata allora. Tra parentesi. Ovviamente, con quelle Artist, mi si apriva un mondo, perché la cartella colori era per me un vero e proprio viaggio nell’immaginazione. Quindi cominciai subito a pensare quali colori per Oscar, quali per André. Negli anni, avendo poi cambiato marche, cercando sempre più qualcosa che matchasse bene con me, con la mia mano, con la mia idea delle tinte, tanti colori li ho cambiati, ma quello degli occhi di Oscar, e, credo, anche di André – e anche dei suoi capelli – è rimasto sempre lo stesso. Quando lavoro, tengo sempre presenti quei due di allora. 🙂

Annunci

9 Responses to A Matter of Colours

  1. Syd ha detto:

    E’ una domando troppo difficile… ce n’è una di riserva? 🙂
    Un solo colore devo infilare sempre e comunque ovunque quando acquerellizzo: Turchese Ftalo W&N Artist (assoluto ed infestante).
    Un solo colore devo infilare sempre e comunque ovunque quando dipingo ad olio: Cremisi d’Alizarina Williamsburgh (assoluto ed infestante anch’esso).

    Comareeee… ma la marca maledetta… io muoio dalla vogli di dirlo quel nome!!!! M’ha fregata pure sui medium acrilici e non mi ricordo più cos’altro.

    • lauraslittlecorner ha detto:

      LOL, comare, facciamo che se ce la chiedono lo diciamo in pvt? 😉 Di quella marca momenti sono meglio gli student, e ho detto tutto… -_-;

    • lauraslittlecorner ha detto:

      La domanda di riserva è sulla carta LOL

      • Syd ha detto:

        Coatman, Langton e St Cuthberts Mill fantasticamente simili alla Arches. Favini fantasticamente unica. Per la marca maledetta chiedere in privato.

        PS:mi rode che le marche maledette sono italiane…

        • lauraslittlecorner ha detto:

          Me la ricordo la malefica… l’altro giorno stavo guardando le varie opzioni e c’era pure lei, declinata in varie forme.
          Belle, quelle altre, veramente belle scoperte. 🙂 Io sulla Favini e sulla St. Cuthberts Mill però il masking non ce l’ho provato ancora. 😉 Pure quella Fabriano che beccai l’autunno scorso non era male, quella torchon (e vabbè, poi la classicissima Artistico, io ce l’ho GG da secoli).

        • lauraslittlecorner ha detto:

          Infatti, era italiana pure quella malefica del mio disegno scolorito! Povero disegno! ;_; Già era stato scartato dal calendario fanart: avevo disegnato tutta la sequenza di Embrace, la citazione della sigla iniziale, e si salvò solo quello di loro due di profilo, peraltro ridotto così stretto nell’inquadratura ravvicinata che ci perde tantissimo, mentre l’acetato originale era molto più bello, inquadrato più da lontano. ;_;
          Allora, siccome quello schizzo anche dopo anni continuava a piacermi parecchio, anche come idea, ho deciso di realizzarlo. Lo sfondo di prova era venuto benissimo. Lo schizzo definitivo pure, vado a colorare e mi si sbiadisce la giacca di lei, poi tutti i vestiti di lui! La carta vecchia regge malissimo. Insomma… :/ carta diversa, ci vuole!
          E’ quello di cui ho usato il viso di lei come sfondo in Liberté 2 pagine finali quando lei dice che vuole tornare al suo lavoro.

  2. lauraslittlecorner ha detto:

    Certo che mi ricordo! 🙂 Mi pare che ti raccontai di aver fatto lo stesso! 😉
    E poi mi diverte pensare a quei colori “in natura”, realistici, perché magari mi chiedo quale possa essere quel tot punto di azzurro, per esempio, per gli occhi di lei, al di là di quello che le ho assegnato io in quella famosa cartella colori. 🙂
    Ci sarebbe da parlare anche della carta… 🙂
    Sui colori (per ora).
    Io credo di aver fatto (e di fare) di peggio, tipo andare a comprare i colori apposta per Oscar e André. 😉 Chiedi a Syd quando, nelle nostre delinquentate, me ne esco dicendo “ecco, questo è il tot colore Oscar”.
    Per risponderti, di base, a me piacciono molto le tinte pastello, poco sgargianti, quindi i disegni ne risentono, compreso il fatto che cestino disegni con colori troppo accesi. A volte lo vedo anche confrontando negli anni i colori miei e di Elena. Lei li ha molto più “da cartone” di me.
    Una volta mi disse: “Bello questo acquerello” (era lo sfondo di un disegno). Beh, era un pantone! LOL, ero riuscita a sfumare talmente tanto e a usare tinte talmente lievi che in effetti poteva trarre in inganno.
    Mi piacciono moltissimo dei turchesi (il tuo di compleanno *_*), delle tonalità di azzurro e mi piacciono molto dei corallo, scarlet lake, alizarin crimson e degli arancio-rosati. Solo che non mi interessa disegnare Maria Antonietta, quindi, a parte quelli che mi sono comprata per il piacere di vedere quel singolo colore, non li uso molto. Quando feci Masquerade per il Calendario ho avuto sì modo di sbizzarrirmi, e allora sì, considerando che è un disegno gigantesco! E anche quando disegnai la Oscar col mantello rosso. Siccome poi Masquerade in originale doveva essere turchese e con loro due più adulti, mi sono rifatta qualche tempo fa anche questa versione, credo di aver messo qualche foto su Facebook.
    A proposito. Un annetto fa, mi stavano finendo vari colori e mi misi in caccia (anche qui la young comare delinquens ha una certa piacevole responsabilità ^_-;). Tra le varie cose, incuriosita dalle recensioni (mi viene il dubbio che chi recensiva fosse omaggiato di quei prodotti), ordinai degli acquerelli che sembravano chissà che, le tinte a cartella erano WOW, poi vado a usarli e, a parte che il foglio si era rovinato negli anni e quindi casino, il colore lo mettevi e sbiadiva. Il colore fantasma! Io i colori nuovi li avevo testati sulla giacca di Oscar e sui vestiti di André. °_°; Sinceramente, sono quasi tentata di toglierli dalla scatolina per recuperare spazio! Stanno lì e sono belli a guardarli ma non sono utilizzabili. Mi hanno spiegato che quella marca anche negli Artist mette una tale quantità di filler per riempire il godet che il pigmento praticamente è inesistente (il famoso “godet a canotto”). Sinceramente, mille volte meglio i Cotman. Io diversi Cotman ancora li ho e li uso volentieri. Quando finisco un godet anche di quelli vecchissimi, mi dispiace, lo rivorrei identico, anche se ovviamente cerco di upgradarlo (le tinte non sempre coincidono tra student e artist, inoltre qualche ditta ha cambiato due volte la cartella colori degli artist). Adesso ho nella scatolina uno scarlet lake del secolo scorso e l’ho pure ricomprato, ma ancora sto lì che non ho il coraggio di toglierlo…
    E poi, siccome mi sono affezionata al tot colore, uso marche diverse. Di base uso le due principali, ma fisse ci sono altre due marche con colori che ricompro quando finiscono e poi altre ancora, quattro o cinque (escludendo quella deludente di cui sopra).
    Adoro i colori e li uso da tanto, quindi tendo ad averne diversi, e poi ho le ondate di curiosità per una tinta o per l’altra. Però se vado a stringere, uso quasi sempre gli stessi, quindi a volte penso di fare la scatolina degli usati o, magari, la scatolina da viaggio. 🙂
    Gli artisti dicono di usare pochi colori, e vabbe’, ma io sono solo una che ama disegnare, e non mi vergogno di dire che amo i colori e mi piace usarli. 🙂 Ho provato ora a contare, tra i vari, quelli che uso effettivamente (non in un singolo disegno, ma quando disegno), ecco, mi è preso un accidente: ne ho contati circa una quarantina! -_-;
    E a voi, che colori piacciono? 🙂

  3. Stellato ha detto:

    Quanto mi ci ritrovo! Eppure, io sono molto più incostante: i colori per i nostri li ho cambiati sempre nel tempo. Ma da quando ho memoria dei miei approcci a nuove confezioni di colore di qualsiasi genere so che appena aperta la scatola, assieme alla gioia (aaaah il profumo dei colori! il legno delle matite, l’impasto degli acquerelli!) scatta l’automatismo della ricerca delle sfumature per Oscar e André, ricordi anche con i derwent? il color “ombra” per i capelli di André! 😀
    In assoluto il colore che mi ha fatto più dannare nel tempo è stato il “biondo, ma più orogiallo” per l’epica chioma della nostra, che per un desiderio mio di realtà è andato oscillando verso il platino, poi quasi verso il carne, poi NON SAPEVO PIU’ CHE METTERCI, credo di avere esperimenti verdastri inguardabili da qualche parte. (Il biondo per me castana color topo resta un mistero incantevole) tornando a gialli più “animati” le cose potrebbero sembrare semplici, ma pure riesco a confondermi quando si tratta di scegliere. Uff. E quali sono i tuoi colori prediletti? 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: