Io non voglio mollare

31 ottobre 2016

2016-10-31-16-55-23


da Laura: WIP 2 Portfolio

26 ottobre 2016

WIP di una delle immagini di “Portfolio”, il progetto in cui ho coinvolto Elena.

ADV_LUZI_Portfolio_Avant_20161028_b.jpg


da Laura: WIP “Portfolio”

24 ottobre 2016

Questa illustrazione l’ho iniziata nel 2015 e fa parte, con altre mie, di un progetto,  dal titolo “Portfolio” e in cui ho coinvolto Elena,  che raccoglierà alcune nostre illustrazioni. Qui potete vedere sia l’inchiostro digitale, nel particolare del viso, ma anche in figura intera, sia il piano colori realizzato in sketch a matite colorate per lo studio delle luci e delle tinte.

adv_luzi_portfolio_avant_20161024_155929_bluzi_adv_portfolio_avant_laura_screen_24_10_2016_2luzi_adv_portfolio_avant_laura_screen_24_10_2016_3_b


Oscar pubblicitaria

16 ottobre 2016

Ebbene sì, la nostra è lanciatissima.

Recentemente la campagna pubblicitaria, segnalatami da Monica (grazie! Grazie!) qualche giorno fa, relariva ad oggetti per pulire il WC, dove, in un apposito webmanga, la nostra e Maria Antonietta, con facce esilaranti, si accingono all’ingrato compito, decisamente poco oscariano e femminista, ma ormai siamo abituate a tutto.

Qualche tempo prima, nell’agosto 2016, Oscar che, con Maria Antonietta e Rosalie, promuove la campagna d’autunno per il trentennale di un brand di abbigliamento online, con annessi due video (occhio, in uno c’è il Grandier che si asciuga dalla pioggia durante gli Stati generali!!!), che pubblicizzano il premio, una crociera in Asia chiamata Principessa (grazie ad Hatsumi per la spiegazione!!!) e immagini delle tre. Se ho apprezzato molto l’abito di Maria Antonietta, alla povera Oscar è andata decisamente peggio: pare un samurai! -_- Credo che per riprendermi dal trauma disegnerò Oscar con una versione personalizzata dell’abito di Maria Antonietta.


4 ottobre

4 ottobre 2016

Laura – al dio della faglia piacendo.

È oltre un mese di scosse. Avevo scritto “è stato” ma lo togliamo.

Pensavo fosse una. Era forte. Bastava.

La notte, e il giorno dopo, ci hanno riportato allo sciame del 1997-8. Ho dormito in macchina, io che dicevo di avere un sacco di esperienza di terremoti. Non mi era mai successo di aver paura di rientrare in casa. Stavolta sì.

In questo mese, da subito, sono tornata alle cose basic. I backup dei disegni in macchina, i disegni nuovi, non scansionati, anche; l’ansia, ogni volta che esco, di portare con me la borsa di medicine e sopravvivenza spicciola e di disegni. I disegni al computer sono in stand-by. Stasera, la sera prima del compleanno di Andrea e nostro anniversario, per la prima volta ho osato riaccendere il pc da disegno e disegnare. Un André ep. 20, quello della pioggia, quello che guarda Oscar amorevolmente. Non so se in altri tempi lo avrei descritto con parole così sbrigative, ma qui le docce si fanno di corsa. Si fa di corsa tutto. Ma io pensavo di non riuscire più a disegnare, invece sì. Ho fatto questo.

luzi_lineart_andore_20_pc_andreaMi è successo altre volte. Dopo Alcatraz, io scrivevo nei libri su cui studiavo “io non riesco più a disegnare”, poi, iniziando Fanworks.

È stato un ritornare alle cose basic, questo terremoto. Gli acquerelli, che erano in attesa  da anni, e che erano i soli che potevo portare avanti, tra la macchina e il rustico. I Cavalieri del re, di cui ho adorato le sigle, comprate a scatola chiusa fin da “King Arthur” – nel 1981, che mi ha conquistato -, e che mi hanno tenuto compagnia nei pomeriggi, nelle nottate in macchina, ritrovando cose che avevo amato bambina, sorprendendomi, poi, che Andrea non li conoscesse (dai!!!! Naaaaa!!!), divertendomi ad ascoltarlo dire “Come è bella la sua voce”, di Clara Serina; sorprendendomi perché adora “Il libro cuore”, il loro capolavoro. Gli ho volutamente eclissato “Alle porte della Rivoluzione”, la più bella di tutte. Troppo personale, troppo. Almeno per me.

Questo è stato il terremoto. Stasera, per la prima volta, ho riacceso il computer da disegno. Penso a tante cose. A tante persone. Questa sera che è il nostro anniversario e i l compleanno di Andrea (e della mia amica Alessandra Maravalli). Un abbraccio. Un abbraccio grande, forte. Incrociamo, incrociate tutto!!!

Laura


Novità da Mrs Ikeda – Un roseto a Tokyo e una nuova storia su Maria Antonietta.

3 ottobre 2016

A Tokyo, nel quartiere di Ginza, dedicato allo shopping di lusso, Lady Oscar ispirerà un roseto: infatti il tema della manifestazione “Autumn Rose Garden 2016″ sarà Il profumo di rose e la Rosa di Versailles. Il giardino aprirà dal 28 ottobre al 4 novembre. Sempre il 28 Mrs Ikeda discuterà sulle rose in un talk show.

Monica ci fa sapere che è stata inoltre annunciata una nuova storia su Maria Antonietta in due parti. Per parte mia aggiungo che la notizia si trova nella rivista di moda “25 ans” all’interno del servizio “Addicted to Antoinette“. Qui sotto la foto della pagina con la notizia.

storia maria antonietta 2016_credits.jpg

La storia sarà in due parti, la prima sul Margaret n. 22 del 20 ottobre, la seconda sul Margaret 23 del 5 novembre. Segue di poco l’uscita, per Glénat nell’edizione francese, del bel manga autoconclusivo di Fuyumi Souryo, celeberrima autrice di “Mars” e, più recentemente, di “Cesare”, “Marie Antoinette. La jeunesse d’une reine“, disponibile anche in Italia grazie ad Amazon.it e anch’esso riportato nell’articolo, a desra in basso.